Photo credit: Desiree Catani

Telegram: in arrivo accesso con identificazione e controllo sessioni

Il client di messaggistica alternativo conferma le ambizioni di crescita preparando alcune funzionalità rivolte alla sicurezza d'accesso degli utenti.

Le novità recentemente introdotte da WhatsAppcon ritmi di sviluppo decisamente più celeri del solito – hanno ovviamente generato un effetto domino sui lavori dei concorrenti principali tra i quali non manca Telegram. In costante crescita con un sempre maggior numero di utenti attivi, il servizio alternativo di messaggistica istantanea pur senza troppi proclami avrebbe in serbo alcune features molto interessanti per la tutela della sicurezza degli utenti.

Il primo, pensato appositamente per l’utilizzo su più dispositivi garantito dalla piattaforma, riguarda l’accesso tramite il sistema di autenticazione in due passaggi. L’idea non sarà molto dissimile da quella esistente per altri sistemi come il client di Gmailapprofondite con la guida – che forse per primo ha introdotto tale meccanismo sfruttando gli SMS, nonostante la possibilità in tal caso di ricorrere ad altre soluzioni. Telegram in tal modo dovrebbe garantire una maggiore sicurezza in caso sia di smarrimento del dispositivo che di accesso su devices diversi dal solito, venendo avvisati sul numero di riferimento in caso di tentativi d’accesso sconosciuti.

A supporto di quest’ultimo meccanismo sarà introdotto anche un gestore di controllo delle sessioni, molto similare al sistema integrato in Facebook per la verifica delle sessioni ed i login per luoghi e dispositivi. Difficile stabilire se e quando tali novità verranno rilasciate, considerando però gli screen non stupirebbe l’arrivo nei prossimi giorni fornendo, da parte di Telegram, un segnale forte sia a WhatsApp che a tutti gli altri client di messaggistica istantanea.