Samsung Galaxy S6 ed S6 Edge: i fans pagati da Samsung per contrastare Apple

L'evento Samsung in Cina per i nuovi modelli della gamma Galaxy S è stato un successo, come per altri analoghi nel globo. Il merito di tanta popolarità e fans sarebbe però frutto di un investimento da parte del colosso coreano.

La popolarità all’interno di un evento di presentazione il più delle volte può rappresentare una delle primarie basi del successo dei dispositivi svelati, a prescindere dalla bontà innovativa e qualitativa in essi contenuti. I nuovi Samsung Galaxy S6 ed S6 Edge hanno sicuramente riscontrato ottime impressioni generando aspettative di ripresa ed un clamore disatteso eppure, stando agli ultimi report, non tutto il successo sarebbe naturale.

Secondo un report pubblicato dal WantChinaTimes, agenzia d’informazione asiatica,  quasi la metà dei 1000 fans presenti all’evento in Cina sarebbero stati selezionati e pagati da Samsung per presenziare durante tutto l’evento dichiarando ai vari microfoni presenti la piena fiducia e passione nell’azienda e nei propri prodotti. Oltre a tale indiscrezione, che sorprende vista la bontà dei nuovi Samsung Galaxy S6 ed S6 Edge, a confermare quanto riferito vi sarebbero anche i dati selettivi con i quali i reclutatori – pagati 3,20 dollari per soggetto segnalato – hanno introdotto 500 ragazzi in età inferiore ai 30 anni, con look preferibilmente da studenti, pagandoli ciascuno 4,80 dollari per presenziare durante l’evento per almeno più di un’ora.Samsung Galaxy S6 review (32)

Il motivo di tale scelta, limitata al solo mercato asiatico, sarebbe da individuare all’interno delle quote di mercato che proprio in Cina sarebbero sfavorevoli a Samsung avendo perso il primato a favore di Applelo storico rivale di sempre – e Xiaomi. Proprio visionando le foto dell’evento illustrativo di Samsung Galaxy S6 ed S6 Edge è infatti possibile trovare tantissimi interessati effettuare foto con tra le mani un prodotto dell’azienda di Cupertino ed in particolare il nuovo iPhone 6, uno smacco che il colosso coreano vorrebbe contrastare velocemente, anche con azioni di questo tipo che non sorprendono tanto per le modalità – non sarebbe infatti la prima volta – quanto per il tempismo forse inadatto alla nuova gamma Galaxy S che per la prima volta ha mostrato interessanti segnali tecnici e software rispetto le precedenti serie responsabili del crollo finanziario.