Motorola Moto 360: si lavora alla seconda generazione, nome in codice “Smelt”

Motorola starebbe già lavorando alla prossima generazione dello smartwatch che per primo ha introdotto la forma circolare nel segmento wearable. I primi indizi rivelano dettagli interessanti.

Il successo all’interno del segmento di mercato smartwatch non è sicuramente un valore da pote consolidare in poco tempo, tale aspetto pare esser ben chiaro nell’immaginario di Motorola pronta nel non limitarsi al solo Moto 360. Stando alle ultime indiscrezioni l’azienda statunitense starebbe infatti lavorando al Motorola Moto 360 di seconda generazione emerso col nome in codice “Smelt”.

La segnalazione è giunta da un noto sviluppatore che tra i dispositivi connessi alla propria app ha rilevato qualcosa d’insolito, ovvero un wearable contraddistinto da specifiche che non appartengono ad alcun modello attualmente sul mercato come il display con risoluzione da 360 x 360 pixels, la CPU Armeabi-v7a ed infine la presenza di Android Wear 5.1neppure disponibile al pubblico – facendo pensare ad un prodotto inedito. L’associazione ad un probabile Motorola Moto 360 di seconda generazione è derivata dalla locazione individuata e tracciata nei pressi della sede di Motorola in Illinois, precisamente nella città di Mundelein non molto distanza da quest’ultima, dissipando totalmente i dubbi sul fatto che possa trattarsi di un errore oppure di una mera coincidenza.

Difficile capire ad oggi quale possa essere il futuro ed il destino di questo dispositivo, seppur risulti evidente la volontà di proporre un Motorola Moto 360 2015, come accaduto per tutti i modelli del portfolio smartphone, alcuni dettagli come il nome – Smelt è infatti il nome di un genere di pesce definito come “piccolo ed argentato”, scelta non casuale – potrebbero propendere invece per qualcosa di nuovo come una lineup premium da contrapporre ai nuovi modelli della concorrenza come il Samsung Gear S, ma soprattutto i nuovi LG G Watch R ed LG Watch Urbane.