Come bloccare i contatti WhatsApp [Guida]

Utilizzare un servizio di messaggistica istantanea come WhatsApp offre numerosi vantaggi ma anche una serie di rischi per la propria privacy legati proprio alla semplicità di comunicazione tali da render necessari conoscere gli strumenti disponibili per bloccare i contatti.

L’abuso della messaggistica, per finalità puramente di disturbo come anche commerciali, rappresenta uno dei problemi principali da arginare una volta che il proprio numeroattraverso molteplici occasioni – comincia a girare divenendo di dominio pubblico, oppure quando i diverbi con i conoscenti raggiungono vette incontrollabili. Per fortuna in tali casi WhatsApp offre una serie di opportunità per poter bloccare i contatti con permessi via via crescenti in base alla tutela di cui si necessita.

WhatsApp, privacy e tutela scremando i contatti con gli appositi filtri:

L’evoluzione della piattaforma di messaggistica più diffusa al mondo ha volto molto lo sguardo a temi come privacy e sicurezza, offrendo alcune opportunità per pote gestire le comunicazioni. Nonostante non sia possibile evitare del tutto i disturbi, è possibile limare le occasioni di scontro attraverso sia la modalità di blocco presente per i contatti inseriti in Rubrica sia attraverso il filtro anti-spam – approfondiscine l’introduzione nell’articolo dedicato – per contatti sconosciuti, tutti però con reversibilità delle manovre compiute.

Guida per bloccare i contatti WhatsApp:

Una volta ricevuto un messaggio indesiderato il primo passo da compiere è chiaramente quello di visionarne il contenuto accedendo alla schermata primaria nella scheda “Chat” ed aprirlo. Questa fase vi consentirà di verificare in modo automatico la presenza o meno del mittente tra i vostri contatti lasciandovi due manovre di opzione:

Nel caso il contatto non sia presente nella vostra Rubrica e sfugga a qualsiasi conoscenza effettivamente esistita potrete decidere se lasciar perdere sorvolando – e cancellando la relativa conversazione – oppure se segnalarlo a WhatsApp. Ciò viene consentito dal filtro anti-spam che automaticamente agisce in verifica e vi permette di usufruire del meccanismo di tutela cliccando sulla voce “Report spam and Block” per bloccare i contatti sia temporaneamente che definitivamente, la scelta dipenderà dai moderatori del servizio in base al tipo di disturbo:

Nel caso il contatto invece sia presente nella vostra rubrica – trattandosi generalmente di persone con le quali in genere sono in corso diverbi di durata limitata – non sarà possibile ricorrere allo strumento anti-spam bensì alle liste di blocco integrate. Dalla conversazione accedete alle opzioni e cliccate sulla voce “Altro” dalla quale accederete ad un menù con la relativa feature “Blocca”:

Il contatto segnalato sarà integrato in una lista di blocco messaggi – in entrata ed uscita – da poter disattivare in qualsiasi momento. Il blocco, come anche lo sblocco, possono essere eseguiti anche in modo alternativo – nel caso di contatti multipli – attraverso il pannello “Impostazioni” di WhatsApp, alla voce “Account” e successivamente “Privacy”, dove troverete un’opzione definita “Contatti Bloccati” con tanto di numero d’anteprima. Nella relativa scheda bloccare i contatti risulta intuitivo grazie all’apposito tasto nella barra superiore destra.

Conclusioni:

La sicurezza e la tutela della privacy rappresentano tematica di estrema delicatezza sulle quali i servizi di messaggistica istantanea hanno molto per cui lavorare, nonostante ciò i passi in avanti mossi da WhatsApp con i tools integrati risultano positivi e facili da utilizzare. La varietà delle opzioni offerte sono adatte alle diverse situazioni nelle quali gli utenti potrebbero ritrovarsi fornendo livelli diversi di azione per bloccare i contatti con possibilità di reversione che chiunque dovrebbe conoscere visti i rischi connessi alla diffusione dei propri dati.

WhatsApp è disponibile gratuitamente all’interno del Google Play Store:

applink-googleplaystore