WhatsApp da il via alle chiamate vocali su Android

Dopo diversi mesi di immagini, rumors ed avvio delle fasi di testing su alcuni utenti selezionati, il noto servizio di messaggistica WhatsApp ha acceso gli interruttori introducendo le chiamate vocali per chi utilizza dispositivi con il sistema operativo Android, che utilizzano la versione dell’applicazione 2.11.528 o 2.11.531.

La funzionalità delle chiamate VOIP non è direttamente attiva all’interno dell’applicazione WhatsApp, ma viene attivata quando si riceve una chiamata da qualcuno che ha già tale funzionalità attiva, e ricevuta la stessa, troverete il pulsante per effettuare tale funzione e poter effettuare chiamate gratuite utilizzando la propria connettività dati. Le chiamate sono integrate in WhatsApp, la scheda dedicata mostra le chiamate in entrata, in uscita e perse con i relativi tempi in cui le stesse sono state effettuate. Le chiamate in corso le troverete nel pannello di notifica fino a quando non viene agganciata la telefonata, mentre chiamate perse lasciano una notifica. Durante una chiamata, è possibile attivare l’altoparlante o disattivare il microfono. Se aprite le chat di testo con qualsiasi contatto, un pulsante di chiamata appare nella barra delle azioni, per rendere più facile parlare con tale contatto. Ora se si clicca sui dettagli di un profilo utente, otterrete un immagine più grande del contatto, con le opzioni di messaggio o di chiamata e le ulteriori informazioni sullo stesso.

WhatsApp chiamate vocali

WhatsApp chiamate vocali

Il pulsante di default per effettuare le chiamate ora risulta essere quello di WhatsApp, che potrebbe risultare scomodo quando l’utente non risulta online oppure quando si vuole effettuare una chiamata utilizzando la propria connessione di rete tramite operatore. Quando ricevete una chiamata vocale da qualche amico, fate la stessa cosa verso gli altri vostri amici al fine di divulgare tale funzionalità e permettere a loro di ricevere ed effettuare a loro volta tale tipologia di chiamate VOIP, ovviamente gli utenti dovranno avere una delle due versioni sopra riportate per quanto attiene l’applicazione WhatsApp disponibile sul Play Store.