PDF Max Android

Modificare PDF su Android: 3 eccellenti applicazioni

Sul Play Store di Google, le applicazioni per modificare PDF su Android non è che sono moltissime. La scelta quindi è limitata, perché la rosa è ristretta. Quelle che mi convincono maggiormente sono PDF Max, ezPDF Reader e Adobe Reader. Eccoti le loro caratteristiche.

PDF Max: un’applicazione della categoria produttività che svolge il suo lavoro in maniera egregia. Il merito? Dell’ottimo text-to-speech. Tra le funzioni meritevoli di menzione abbiamo la sincronizzazione delle modifiche, in modo da passare mediante cloud il lavoro dall’ufficio allo smartphone e lavorarci in mobilità. La grafica è curata nei particolari. La versione free presenta qualche banner di troppo. Quella a pagamento è sì priva di pubblicità, ma costa “un botto”: 6,70 euro. Ne vale la pena tenendo conto che quella a costo zero non presenta limitazioni? Claro que no!

ezPDF Reader modificare PDF su Android

ezPDF Reader: l’applicazione di Unidocs è eccellente in fase di lettura dei file PDF e più che sufficiente per modificare PDF su Android in maniera veloce. Di funzioni avanzate, infatti, non se ve nedono. Il suo punto di forza? Il salvataggio degli appunti e delle annotazioni direttamente in PDF. Il non plus ultra per gli studenti universitari. Eccellente il lettore vocale. I punti di debolezza? ezPDF Reader presenta una barra degli strumenti un po’ troppo caotica, icone di piccola dimensione (secondo il mio punto di vista, troppo piccole) e la funzione “Salva Come” non accessibile in maniera immediata.

Adobe Reader modificare PDF su Android

Adobe Reader: come potevamo fare di citare alla fine dell’articolo l’applicazione che ad oggi rappresenta senza ombra di dubbio il punto più alto per quanto riguarda la possibilità di modificare PDF su Android, azione comodamente eseguibile grazie alla barra superiore, contenente le varie icone. Giudizio estremamente positivo anche per ciò che concerne la lettura. In quest’ultimo caso, è sufficiente un tap sul lato della schermo per visualizzare iPDF ed utilizzare il Pinch to Zoom, essenziale per l’ingrandimento delle pagine.Il bello è che e la versione destop di Adobe Reader è pesante e forse un po’ troppo complessa, quella per il sistema operativo mobile di Google è leggera, intuitiva e curata dal punto di vista grafico. In più, si riscontra la totale assenza di banner pubblicitari.

Ora sta a te scegliere dalla categoria produttività del Play Store quale applicazione merita l’installazione sul tuo dispositivo per la modifica dei PDF.