Facebook: il pulsante “Non mi piace” nelle future funzionalità in arrivo

La crescita di un social network qual’è Facebook passa inevitabilmente attraverso l’analisi costante dei trend e delle nuove funzionalità che consentono di perseguire gli obiettivi primari dell’azienda, e tra questi potrebbe rientrare a breve anche il tanto chiacchierato tasto “Non mi piace“.

Come svelato da Mark Zuckerberg durante l’ultima Q&A session di Facebook quella sorta inizialmente come una naturale richiesta degli utenti per migliorare l’esperienza e la comunicazione sul social, in realtà potrebbe offrire importanti riscontro sul lato dell’advertising incrementando la qualità e l’efficacia dei dati raccolti nell’ambito del marketing industriale. Quest ultimo rappresenta ad oggi uno dei principali motori di sostentamento economico, oltre che una discriminante attorno la quale verte molto dello sviluppo futuro del social tra sistemi di gestione economici in stile PayPal, il browser interno per rendere circolare il flusso dati limitando l’uscita all’esterno, oltre alle campagne social per le quali i parametri sono in costante mutamento.

facebook bottone_non_mi_piace

Nonostante tali vantaggi, ad oggi a limitare l’introduzione del tasto “Non mi piace” riguarda l’ambiguità dello stesso il quale oltre che per risultare un metodo espressivo contrapposto al classico “Mi piace” potrebbe divenire uno strumento di discriminazione, divenendo un possibile passo falso che Facebook vuole valutare accuratamente prima di compiere.