Recensione | Meizu Mx4: tutto sul top di gamma Meizu

 Packaging | Dimensioni | Hardware | Interfaccia | jump2u.com | Conclusioni |

L’oggetto della nostra recensione rappresenta uno dei principali top di gamma nel panorama degli smartphone cinesi, che come accennato in diversi focus si stanno affermando come terminali dotati di una propria personalità e contraddistinti da ottime qualità sia tecniche che software. Il Meizu Mx4 è infatti la coronazione di un’idea di sviluppo del colosso cinese capace di affascinare per design e user experience posizionandosi nel segmento dei top di gamma come uno dei più interessanti del settore.

Lo smartphone è stato acquistato sullo store jump2u.com, un punto di riferimento per sicurezza ed affidabilità nell’orientamento agli smartphone cinesi, dimostrandosi all’altezza delle grandi aspettative che Meizu nutre sul modello in un mercato spesso saturo delle medesime idee.

Packaging – Confezione e dotazione


packagingreviewmeizumx4

Nonostante il packaging dei principali modelli presenti sul mercato asiatico sia spesso ridotto all’essenziale, in funzione di un’ottica di minimalismo ed efficienza nei costi, il Meizu Mx4 si propone come il primo a vantare un’evoluzione di concetto ottenendo anche ottimo un’impatto visivo. La confezione è infatti semplice ma perfettamente curata, la qualità emerge sin dall’apertura con un vano di contenimento del device ed un altro, celato, per il contenimento del cavetto USB-microUSB, con caricatore da muro conforme agli standard europei.

Si conferma, invece, l’assenza di auricolari certificando ulteriormente la scelta condivisa dai principali produttori anche europei di eliminarli dalla dotazione in funzione di un mercato ricco di alternative, anche a bassissimo costo, lasciando all’utente la possibilità d’orientamento. L’unboxing risulta, in definitiva, ricco di spunti e contenuti che forniscono sin dal primo contatto l’impressione dell’acquisto di un prodotto premium destinato alla fascia dei top di gamma con un’attenzione ed una cura ad ogni singolo dettagliato che si manifesta su pochissime altre alternative.

Dimensioni – Scocca ed ergonomia


dimensionreviewmeizumx4

Le impressioni generali dell’unboxing proseguono anche nel primo contatto col dispositivo, che si dimostra esser definito e ben strutturato in termini di materiali, qualità ed assemblaggio costruttivo. Il design rappresenta la semplificazione, intesa non come mancanza di cura o impoverimento, perseguita da Meizu nei vari campi d’analisi con ottimi risultati.

Il Meizu Mx4 raccoglie le migliori idee ed innovazioni relativamente l’ambito realizzativo sommando ad una scocca pulita, ma ricca di elementi che ne contraddistinguono la qualità, alcuni vantaggi quali la riduzione dei bordi del display ed una fisionomia studiata appositamente per assecondare le esigenze di mercato per le dimensioni ed al contempo quelle degli utenti per il grip di utilizzo.

La scocca anteriore è suddivisa in tre aree con la centrale interamente occupata dall’ottimo display ed i margini superiori ed inferiori che offrono, rispettivamente, l’alloggiamento dei sensori e della fotocamera anteriore da 2 megapixel insieme allo speaker audio oltre al semplice tasto home fisico che semplifica la navigazione.

La scocca posteriore risulta, rispetto l’anteriore, ancor più semplificata offrendo uno stile compatto e minimale contraddistinto esclusivamente dall’alloggiamento della fotocamera posteriore da ben 20 megapixel, con Dual LED collocati in senso longitudinale creando un’ottimo impatto visivo che rafforza la distribuzione degli spazi col logo Meizu collocato nell’area inferiore.

Le dimensioni del Meizu Mx4 sono espresse in 144 mm per l’altezza, 72,5 di larghezza, un vantaggio rispetto tante alternative che facilità la gestione con una sola mano grazie alla forma stretta ed alta, ed infine 8,9 mm di spessore che, con un peso di 147 grammi, fornisce l’idea di robustezza e compattezza senza però dover esibire necessariamente un dispositivo ingombrante o scomodo da gestire.

Hardware – SoC, display e multimedialità


hardwarereviewmeizumx4

Il lavoro condotto da Meizu nel perfezionamento del dispositivo non delude nell’ambito della componentistica hardware, la semplificazione perseguita nell’ottica dell’ottimizzazione è infatti evidente anche nella scheda tecnica che si concilia a quanto visionato sin quì offrendo un dispositivo semplice e minimal esteriormente ma potente e ben configurato nel sottoscocca.

Il Meizu Mx4 vanta SoC basato sul processore  MediaTek MT6595, strutturato con CPU octa-core suddiviso in un double quad-core con Cortex A17 da 2.2 GHz e Cortex A7 da 1,7 GHz, il tutto corredato da una memoria RAM da 2 GB che assicura potenza e fluidità senza eccedere nella fornitura delle risorse di calcolo, ritenendo inutile abbondare viste le ottimizzazioni incluse. La configurazione prevede inoltre uno storage interno da 16/32 GB privo di espansione via microSD, vista l’inutilità rispetto ai tagli proposti configurandosi come una novità nel panorama tra pochissimi altri competitors che hanno adottato scelte similari in controtendenza al ritorno dell’espansione di memoria.

La dotazione non delude negli altri comparti tecnici, il dispositivo vanta infatti un display da 5,36 pollici che, differentemente da molti altri competitors, offre un’ottima distribuzione degli spazi grazie alla riduzione dei bordi tra le migliori del comparto il tutto con una risoluzione da 1920 x 1152 p. realizzato in Gorilla Glass 3. Anche in tale caso la scelta di orientarsi su di un LCD IPS rispetto ai moderni QHD rappresenta una deduzione diretta alla semplificazione offrendo uno schermo adeguato agli utilizzi, capace di garantire qualità e risoluzione, senza però eccedere e pesare in termini di risorse di sistema. Il dispositivo è inoltre alimentato da una batteria da 3100 mAh risultando perfetta anche in termini di longevità garantisce ben più di una giornata di utilizzo, anche in condizione di stress.

La dotazione, in via complessiva, supera ampiamente le aspettative offrendo il massimo che l’attuale comparto garantisce nel segmento di settore, il tutto anche sul piano delle connettività che includono LTE, Bluetooth 4.0, WiFi oltre una pacchetto di sensori completo come i principali competitors vantano.

Interfaccia – Flyme OS


interfacciareviewmeizumx4

Uno dei punti di forza primari dei principali smartphone cinesi è rappresentato dalle interfacce di sistema pensate e realizzate a partire da una concezione della user experience completamente differente dalla basilare europea. Tali aspetti, come per altri marchi quali Xiaomi, si tramutano in una Flyme OS 4 che si distingue per colori e qualità, ma soprattutto per quella semplificazione che rende l’utilizzo adatto anche ai meno pratici, tendendo inoltre la mano verso gli utenti Apple viste le rassomiglianze con iOS.

Il Meizu Mx4  si pregia proprio delle peculiarità di un’interfaccia che, basandosi su Android 4.4.4 KitKat con certificazione Google, garantisce la piena compatibilità coi principali servizi del colosso di Mountain View senza però rinunciare alla propria personalità sia nell’ambito grafico, offrendo un risultato pregevole, sia in quello della navigazione, con l’eliminazione del navigation drawer ma la presenza comune dei widget risultando un incrocio piacevole tra elementi propri di Android e quelli propri di iOS di Apple.

Acquisto – Store jump2u.com


meizumx4jump2uL’acquisto di smartphone cinesi anche dei principali brand conosciuti a livello europeo rappresenta purtroppo una pratica correlata di molti dubbi, da parte degli utenti a causa dell’assenza di store ufficiali di riferimento, in particolare per qualità del prodotto, assistenza e soprattutto spedizioni, contraddistinte dalla poca conoscenza delle modalità per le eventuali tasse doganali.

Nel nostro caso la recensione è stata condotta eseguendo l’acquisto del dispositivo sullo store jump2u.com, ovvero uno dei principali store  specializzati in smartphone cinesi che si configura come uno dei più affidabili del settore. Il Meizu Mx4 è disponibile, nella varianti da 16 e 32 GB, ai prezzi rispettivamente di 227,74 e 254,29 euro per la variante cromatica bianca, a 299,95 e 367,45 euro invece per la variante cromatica grigia . Il prezzo finale rappresenta, in virtù della scheda tecnica, uno dei migliori rapporti qualità-prezzo nell’ambito dei top di gamma Android del quale vi consigliamo di valutare attentamente le offerte se siete alla ricerca di un’occasione: Meizu Mx4

Conclusioni finali


Sulla base di recensione e test condotti, il Meizu Mx4 si conferma essere uno dei modelli più interessanti del comparto tecnologico vantando ottimizzazioni software intelligenti ed una scheda tecnica capace di risultare adatta a qualsiasi tipo di utilizzo spaziando dal comune al performante senza alcun problema-

Le impressioni generali dall’unboxing sino all’utilizzo sono positive e forniscono l’idea di una user experience curata nei minimi dettagli quasi come fosse pensata per conquistare l’utente ogni volta che ci si approccia al device per non far mai scemare l’interesse e lo stupore. Il modello è quindi consigliato per tutti coloro si stanno rivolgendo ai brand cinesi affermati intravedendo, oltre che gli ottimi rapporti qualità-prezzo dei prodotti, una concezione di sviluppo corrispondente a ciò che si cerca in uno smartphone che deve affermarsi per le proprie qualità più che per il nome.