Teardown-galaxy-alpha

Teardown Samsung Galaxy Alpha, tanta colla e riparazioni complesse

Coe sempre iFixit quando esce un nuovo ed interessante dispositivo mobile, si occupa di smontarlo in tutte le sue principali componenti al fine di verificarne le sue componenti interne ed il suo grado di riparabilità. Oggi è il turno del primo device metallico della casa coreana, il Samsung Galaxy Alpha, scopriamo cosa è emerso da questo smontaggio.

Il Galaxy Alpha è il primo di una nuova linea di cellulari di Samsung, che impiega materiali di prima qualità e un design elegante, ed è senza dubbio rivolto a sfidare gli smartphone top di mercato quali l’iPhone 6 di Apple e HTC One M8. iFixit ha eseguito il suo classico teardown, da questo emerge che aprendo il pannello posteriore, ci si accorge che non vi è alcuna traccia di impermeabilizzazione, a differenza del Galaxy S5 dove viene riscontrata la presenza di un anello di gomma, incorporato nel suo coperchio posteriore, cosa non presente nel Galaxy Alpha.

Teardown-galaxy-alpha-2

Con il pannello posteriore aperto, la batteria può essere facilmente rimossa o sostituita, tuttavia, se si vuole ottenere l’ulteriore accesso alle parti interne del dispositivo tale operazione non risulta così semplice. Per accedere alla scheda madre, dovrete rimuovere il pannello dello schermo, operazione che porta via un sacco di tempo, ma risulta necessaria al fine di non rischiare di danneggiare il dispositivo.

All’interno del dispositivo, la maggior parte dei componenti sono modulari e possono essere facilmente sostituiti, anche se troviamo una moltitudine di cavi fragili, davvero scomodi per chi tenta di smontare il Galaxy Alpha.

I tecnici hanno dati un punteggio di riparabilità di 5/10, punteggio basso a causa della necessità di rimuovere il display per accedere alla struttura interna del telefono.