Hugo Barra: iPhone 6 ed iOS 8 ispirati ad HTC ed Android

L’intervista recentemente rilasciata da Hugo Barra, oramai divenuto uno dei principali dirigenti e figure di rappresentanza di Xiaomi nel campo internazionale dopo quanto fatto in Google, ha fornito molteplici spunti sul campo smartphone, lo sviluppo OS e sul concetto d’imitazione e plagio, spesso citato in modo improprio dalle aziende in un turbine di accuse reciproche prive di veridicità.

Pur sorvolando sulla frase chiave rilasciata al The Wall Street Journal, che ha lasciato perplessi sia i milioni di utenti Android che soprattutto moltissimi analisti di settore con quel “L’iPhone 6 è il più bel smartphone mai costruito“, gli spunti di riflessione non sono mancanti. In particolare, come ha sottolineato magistralmente Hugo Barra, in un mercato d’idee condivise è complesso definire realmente l’originalità dei progetti che spesso, pur involontariamente, sono ispirati da prodotti di riferimento realizzati da concorrenti. Così nel caso specifico dell’azienda di Cupertino il nuovo iPhone 6, pur essendo definito come un modello tra i più belli mai visti, in realtà le linee sarebbero del tutto ispirate in forma, obiettivi e stile, al design della nuova gamma One di HTC, una delle aziende di riferimento per materiali ed estetica costruttiva, ed allo stesso tempo le novità funzionali di iOS 8 sarebbero chiaramente attinte da Android.

htc-one-m8-iphone-6

Il discorso rivolto all’iPhone 6 ed Apple è però mosso dalle intenzioni di difesa nei confronti di Xiaomi, definita come una realtà giovane ed ambiziosa ancora in forte crescita, che viene ovviamente ispirata dai migliori prodotti sul mercato. Alle accuse di plagio spesso mosse rispetto i prodotti dell’azienda di Cupertino, anche col recente Xiaomi Mi4 da noi recensito, Hugo Barra è stato capace di creare un elogio improprio al contempo utile per svelare una circolarità d’idee che non danneggia nessuno e solleva il colosso cinese da qualsiasi responsabilità pur auspicando un’innovazione da parte dei propri ingegneri e designers per la realizzazione di nuove idee e concept frutto della maturazione che l’azienda sta conseguendo.

Sorvolando sul discorso, parzialmente condivisibile nell’ottica di un panorama aperto con idee non marcate e fortemente condivise, il complimento mosso all’iPhone 6 resta attualmente uno dei punti forse più forti e discussi per il segmento smartphone 2014/2015 che sta alimentando non pochi confronti tra forum ed appassionati. I dubbi sulla qualità estetica, anche da parte nostra, permangono.