Guida Android | Come ridurre l’utilizzo dei dati su Google Chrome

La gestione del traffico dati, su smartphone e tablet, è una delle fasi primarie per poter ottimizzare prestazioni e tenersi in linea con le tariffe dei propri piani tariffari, siccome ogni operatore pone dei diversi limiti sulla banda internet. Sulla base di queste considerazioni gli strumenti primari di navigazione, come Google Chrome, hanno nel tempo implementato funzioni specifiche per tali miglioramenti.

Come ridurre l’utilizzo dei dati su Google Chrome non è infatti una modalità complessa, tra l’altro evolutasi diventando nel tempo sempre più accessibile dagli utenti anche meno esperti, con vantaggi che si mostrano nel lungo termine sulla qualità e la quantità di traffico utilizzato per poter navigare in rete.

Automatismo di riduzione dati Google Chrome:

Prima di procedere è opportuno chiarire come il processo di configurazione dell’automatismo di riduzione dell’utilizzo dei dati non rappresenti una manovra limitativa delle opportunità e dell’esperienza utente bensì un sistema che agisce sull’allocazione delle risorse utilizzate. Con questa modalità di Google Chrome è possibile ridurre i consumi di traffico rete del 50% agendo sulla compressione immagini, legate alle pagine web, e sul tipo di richieste inviate ai server di ricerca durante la navigazione.

Procedura:

Come ridurre l’utilizzo dei dati su Google Chrome è sistema estremamente semplice ma spesso poco noto ai più, divenendo un miglioramento consigliato a chiunque per sfruttare a pieno le potenzialità di Google Chrome.

All’interno della schermata primaria di Google Chrome dovrete orientarvi al menù del browser, accessibile dall’icona posta nell’area superiore di destra, scorrendo tra le voci sino a visualizzare “Impostazioni“.

All’interno della successiva schermata individuate la sezione “Avanzate” ed al suo interno la voce “Riduci l’utilizzo dei dati” dalla quale sarete reindirizzati ad una schermata di controllo dei dati, inizialmente disattivata, da convertire con lo switch da “No” a ““. Concluso questo processo avrete accesso ad un report dettagliato dei consumi eseguiti su Google Chrome i cui risultati si aggiorneranno quotidianamente consentendovi non solo di risparmiare sul traffico dati ma anche di poter monitorare gli andamenti delle vostre prestazioni durante le ricerche.