Guida Android | Come effettuare il ripristino ai dati di fabbrica – Parte 1

L’utilizzo di un dispositivo Android porta spesso al salvataggio di una miriade di dati personali la cui impronta resta sul device, restando a disposizione di chiunque possa accedervi, sia nella memoria esterna quanto soprattutto in quella interna al punto da creare un problema di sicurezza.

Qualora abbiate deciso di vendere, prestare o accantonare uno smartphone oppure un tablet utilizzato per lungo tempo, potrebbe sorgere spontaneo il dubbio su come effettuare il ripristino ai dati di fabbrica, in modo sicuro e completo. Android vanta un meccanismo integrato che vi consente di espletare tale funzione in pochi passi ed in tutta sicurezza.

Ripristino ai dati di fabbrica su Android:

Prima di procedere è opportuno chiarire come il ripristino ai dati di fabbrica su qualsiasi dispositivo rappresenti una manovra irreversibile che cancellerà qualsiasi dato presente sul dispositivo, immagini e musica compresi, riportando l’OS all’immagine di sistema fornita dal produttore alla prima accensione dopo l’acquisto. Nonostante si possa pensare che la procedura elimini tutti i dati, come emerso anche dalle indagini Avast, il factory reset semplice permette comunque di risalire ad alcuni dati impressi nella memoria interna con l’utilizzo di tools appositi, la seguente guida rappresenta quindi una prima parte di una serie di procedimenti per garantire la totale pulizia dei dati interni.

Procedura:

Come effettuare il ripristino ai dati di fabbrica è una delle operazioni più semplici presenti in Android grazie all’ottima procedura guidata che avverte l’utente sui rischi e lo guida in ogni step ond’evitare errori gravi.

E’ importante, quando ci si appresta ad eseguire un factory reset, eseguire un backup preventivo dei dati che non si vogliono perdere, discorso che torna utile per reset funzionali allo scopo di fornire una longevità al dispositivo dopo lunghi periodo di utilizzo e rallentamenti. In questo caso le applicazioni dedicate al backup sono molteplici, per i singoli casi vi suggeriamo le seguenti guide ed app:

Una volta eseguiti i backup, esportate i file di salvataggio su dei supporti esterni quali cloud storage, hard disk oppure microSD estratte dal dispositivo prima del ripristino ai dati di fabbrica che, in caso contrario, cancellerebbe a sua volta gli stessi backup rendendo inutile la procedura.

A questo punto recatevi al pannello “Impostazioni” scorrendo sino alla voce “Backup e ripristino” dalla quale potrete regolare i settaggi relativi ai dati interni.

Nella finestra interna visualizzerete una serie di opzioni, molte delle quali tralasceremo per centrare la guida al ripristino ai dati di fabbrica, dove non mancherà la voce “Ripristino dati di fabbrica” verso la fine delle schermata. Una volta cliccata riceverete un avvertimento sulle tipologie di dati che saranno persi con la procedura, in alcuni casi potrete scegliere se includere oppure no la pulizia della microSD con l’apposita spunta, che dovrete ovviamente confermare prima di passare al procedimento vero e proprio condotto in via del tutto automatica.

Al termine il vostro dispositivo presenterà la medesima immagine di sistema visionata in sede d’acquisto, con un riavvio al quale seguirà la procedura guida classica della prima accensione per impostare orario, data, account e preferenze.