Guida Android | Come bloccare l’aggiornamento automatico sul Google Play Store

Tra i punti di forza di Android, e ciò accade similmente per le proprie applicazioni, spicca la frequenza di updates ed aggiornamenti che sia Google sia gli sviluppatori rilasciano con una certa costanza nonostante i risvolti sia positivi che negativi che, specialmente per le app, questo aspetto porta in modo bivalente con sé sul Google Play Store.

Non è infatti un mistero quanto alcune applicazioni spesso introducano aggiornamenti peggiorativi rispetto alle comuni release, oltre ciò i parametri del Google Play Store spingono gli utenti ad essere sottoposti a massivi download di pacchetti update improvvisi deleteri sia per l’esperienza utente, con rete WiFi, che per le soglie del proprio abbonamento, con traffico dati, portando a chiedersi per entrambe le situazioni come bloccare l’aggiornamento automatico sul Google Play Store.

Bloccare l’aggiornamento automatico sul Google Play Store:

Prima di procedere è opportuno chiarire come il processo disabilitazione dell’aggiornamento automatico sul Google Play Store non rappresenti una dissociazione dai propri servizi, bensì una modalità pensata da Google, ma poco conosciuta dei meno esperti, per favorire l’utente nella scelta delle applicazioni che si desiderano aggiornare. Le notifiche sulla disponibilità di pacchetti potranno essere ugualmente abilitate, potrete però evitare download massivi opzionando le singole app da aggiornare in base a situazioni e preferenze.

Procedura:

Come bloccare l’aggiornamento automatico sul Google Play Store è, come accennato, un sistema integrato direttamente nell’applicazione Android dello store californiano e semplice da raggiungere, qualora vogliate preservare le vostre applicazioni da release deleterie vi consigliamo prima un downgrade sfruttando l’apposito tool di seguito:

Una volta nel nella main page del Google Play Store recatevi al navigation drawer individuando il pannello “Impostazioni” tramite il quale sarete indirizzati ad una schermata di gestione delle opzioni principali, incluse quelle di nostro interesse.

Selezionate la voce “Aggiornamento automatico app” per accedere alle opzioni presenti nella finestra pop-up: da quì potrete decidere se impostare l’automatismo solo in WiFi oppure anche in caso di dati mobile, quest ultima opzione la sconsigliamo per gli elevati dati utilizzati a seconda dei pacchetti, oppure disattivare il tutto con “Non aggiornare automaticamente le app“.

Tra le opzioni disponibili Google ha pensato anche alle notifiche, spesso continue in caso di mancato aggiornamento, che potrete gestire togliendo la spunta alla voce in alto “Notifiche“. Il meccanismo è, come deducibile, facilmente reversibile e non richiede nessun particolare permesso fornendovi la libertà di cui potreste aver bisogno.