Smartphone Android non si accende

Lo smartphone non si accende più? Ecco cosa fare!

Improvvisamente il tuo smartphone Android non si accende più? Niente paura, il problema è piuttosto comune, specie per i dispositivi più datati. Ciò che ci preme sottolineare è che le cause possono essere diverse e la maggior parte di queste sono di semplice risoluzione, tanto è vero che spesso non c’è bisogno nemmeno di contattare il servizio di assistenza del costruttore (nel caso in cui il dispositivo sia in garanzia).

Smartphone Android non si accende: cosa fare?

Se lo smartphone Android non si accende, la prima cosa che ti invito a fare è quella di togliere la batteria rimovibile e di reinserirla dopo una decina di secondi. Successivamente prova ad accendere il dispositivo e controlla che sia tutto ok. Qualora il terminale presenti una batteria non rimovibile, ti invito a tenere premuto il tasto di accensione per una ventina di secondi. Qualora non sia cambiato nulla, la causa potrebbe essere un’altra.

Smartphone Android non si accende
Rimuovere ed inserire nuovamente la batteria in alcuni casi si rivela una rapida soluzione.

Può sembrare una sciocchezza, ma una delle cause della mancata accensione dello smartphone sta nell’aver dimenticato di metterlo sotto carica. Altre volte, se la batteria è totalmente scarica, il dispositivo non riesce ad accendersi. Ergo, dovrai ricaricarlo per qualche secondo e attendere un po’ prima di riaccenderlo.

Riparare smartphone caduto in acqua: non tutto è perduto

Smartphone Android non si accendeSe invece hai sbadatamente lasciato cadere il tuo smartphone in acqua, qualora quest’ultimo non sia dotato di certificazione IP67 o IP68 per la resistenza agli schizzi d’acqua e alle immersioni accidentali, difficilmente ritornerà in vita, ma se sei riuscito a tirarlo fuori in tempo forse c’è ancora qualche speranza.

  • Innanzitutto, non accendere per nessun motivo il dispositivo, non utilizzarlo in alcun modo e non provare a scaldarlo con l’asciugacapelli, per evitare di causare ulteriori danni irreparabili;
  • Assicurati di rimuovere la scheda SIM dal device e, qualora ne sia provvisto, anche la scheda microSD;
  • A questo punto prendi un panno e procedi tamponando lo smartphone, evitando di far spargere ulteriormente l’acqua;
  • Infine riponi il dispositivo in un apposito sacchetto deumidificante provvisto di zip e, successivamente, lascialo in una bacinella piena di riso per due/tre giorni;

Al termine della procedura se il telefono non si accende, purtroppo non c’è altra soluzione se non quella di ricorrere ad un centro assistenza autorizzato.

Effettuare un reset alle impostazioni di fabbrica tramite recovery

Smartphone Android non si accende
In casi estremi purtroppo è necessario ricorrere per forza ad un reset alle impostazioni di fabbrica.

Dopo aver visto alcune delle cause più frequenti, ma decisamente meno gravi, passiamo a quello più complesse. Se il tuo smartphone Android non si accende, ti suggerisco di procedere al reset ai dati di fabbrica, entrando in Recovery Mode. In base allo smartphone in tuo possesso, dovrai utilizzare una delle seguenti combinazioni di tasti:

  • Volume Su + Volume Giù + Power;
  • Volume Su + Home + Power;
  • Home + Power;
  • Volume Su + pulsante fotocamera;

Nel momento in cui sei in Recovery Mode, seleziona la voce “wipe data/factory reset” con il tasto power e procedi alla rimozione di tutti i dati archiviati nella memoria interna dello smartphone. Anche se i dati presenti sulla SD esterna non verranno toccati, ti invito a rimuoverla prima del reset, onde evitare complicazioni. In questo modo, dovresti essere in grado di riaccendere il tuo smartphone Android.

In caso contrario, la rottura del dispositivo è assai probabile e ti conviene contattare il servizio di assistenza della casa produttrice o acquistare uno smartphone nuovo.

 

 

  • Stefano

    Ma se non si accende come si fa ad entrare in recovery mode?

    • Elisabetta

      Esatto, io stesso problema, poi, chiedo info, gentilmente, se lo porto in assistenza e dentro ci sono i miei dati sensibili(indirizzi e-mail, dati personali, ecc, devo fidarmi della serietà dei tecnici, non vorrei trovare brutte sorprese in futuro! grazie a chi mi risponde.