Modulo Xposed | Come ottenere LG Knock Code su qualsiasi smartphone

Tra le funzionalità più interessanti dell’attuale panorama Android, sia smartphone che tablet, spicca sicuramente l’LG Knock Code, ovvero la sequenza di sblocco di sicurezza sviluppata dall’azienda coreana LG per alcuni dei propri prodotti, tra i quali possiamo citare gli LG G2 ed LG G3 oltre all’LG G Pad 8.3, capace di offrire un meccanismo anti-accesso per chiunque non sia espressamente autorizzato persino più sicuro del tanto chiacchierato sensore d’impronte digitali, facilmente hackerato sui vari modelli che ne sono già equipaggiati.

Nonostante tale funzionalità, in barba alla moda di rendere alcune esclusive disponibili sul Google Play Store, non sia disponibile per tutti i dispositivi ma soltanto per una ristretta cerchia di fortunati a marchio LG la community di modding non si arresa fornendo a tutti un sistema su come ottenere LG Knock Code su qualsiasi smartphone in modo semplice e pratico per tutti grazie al ricorso ai moduli di Xposed Framework, sistema del quale abbiamo parlato fornendo una guida completa all’installazione, completa di vantaggi e rischi.

Requisiti per l’installazione di LG Knock Code

L’installazione del modulo Xposed Framework richiede ovviamente alcuni requisiti da verificare prima di procedere, alcuni forse anche basilari ma verso i quali è sempre opportuno dedicare un minuto di attenzione per evitare eventuali complicazioni:

  • Abilitazione dei diritti di root sul device
  • Installazione di Xposed Framework
  • Presenza di un firmware basato su Android 4.2 e superiori

Il processo, che richiede al massimo un paio di minuti, finalizzerà la presenza di LG Knock Code su qualsiasi dispositivo con lo svantaggio, purtroppo perdendo molto dell’appeal che la funzionalità originaria vanta, di poter essere utilizzato soltanto a schermo accesso come una comune opzione di sblocco in sicurezza del device, un problema che gli sviluppatori sottolineano esser superabile con un kernel personalizzato su di un dispositivo abilitato al risveglio con doppio tap, elemento sul quale però non forniscono particolari indicazioni essendo anche un requisito presente per lo più su modelli LG già abilitati a questo particolare sblocco.

Installazione di LG Knock Code

L’installazione della MOD è abbastanza intuitiva e priva di rischi sia per il sistema che per il dispositivo, ogni singolo modulo è infatti inteso come un tassello da poter abilitare e disabilitare con la massima comodità tramite il pannello di gestione Xposed Framework.

Il primo passo da compiere è rappresentato dal download del file “.apk” dedicato e realizzato dallo sviluppatore MohammadAG di XDA, posizionandolo all’interno di una qualsiasi directory della propria microSD oppure dello storage interno,  per poi raggiungerla tramite un buon file manager cliccandoci. Ovviamente per l’installazione di un’applicazione con origini sconosciute dovrete prima abilitare il sistema tramite l’apposita mini guida che vi suggeriamo di consultare prima di procedere:

Una volta completato il processo dovreste ricevere una notifica che avverte della corrette presenza del modulo nel sistema, a questo punto per poterlo attivare potrete scegliere se cliccare sul comando presente nel pannello delle notifiche oppure recarvi in “Framework”  alla voce “Moduli“, dove troverete l’elenco completo di tutti quelli installati sul device, ponendo la spunta su “Knock Code” per la sua attivazione, riavviando il sistema per la modifica completa.

Impostazione di LG Knock Code

Una volta abilitato il modulo Xposed Framework appena installato, sarà compito vostro impostarne i parametri di preferenza per l’utilizzo ed in questo caso il primo passo da compiere sarà recarci all’apposita applicazione, nell‘app drawer, denominata Knock Code cliccando sulla voce “Change knock code“. A questo punto dovrete infatti selezionare la frequenza ed il ritmo dei tap su schermo da impostare per lo sblocco, prestando attenzione al modo col quale componente i tap per evitare dimenticanze in sede di sblocco.

Completato questo processo, per attivare definitivamente il meccanismo, dovrete recarvi al pannello “Impostazioni” alla voce “Sicurezza” e selezionare l’opzione “Blocco schermo” da dove potrete gestire tutte le modalità disponibili per il vostro dispositivo ma tra le quali non troverete LG Knock Code. Il modulo Xposed Framework è stato infatti sovrapposto ad una delle opzioni già presenti e nello specifico a “Sequenza” che dovrete attivare impostando i vari parametri e che, al primo utilizzo, sarà sostituita invece dalla nuova funzione di sblocco ispirata alla feature dell’azienda coreana.

Compatibilità ed eventuali problemi

Qualora, in casi particolarmente complessi, doveste imbattervi in un malfunzionamento capace d’indurre il dispositivo in bootloop, come accennato tra i requisiti fondamentali per l’utilizzo del tool,  potrete rivolgervi alla custom recovery per disabilitare gli elementi di contrasto grazie alla presenza di un file “.zip” da flashare, denominato “Xposed-disabler-Recovery”, rilasciato in automatico durante l’installazione dell’Xposed Installer.