CyanogenMod 12: Android L farà risorgere oltre 105 smartphone

Da sempre la community del modding rappresenta nel campo Android una delle principali risorse, non solo dedite alla personalizzazione dei dispositivi con funzionalità e peculiarità che i produttori spesso non forniscono celermente, capace di poter fornire nuova vita a dispositivi le cui schede tecniche, pur se non all’avanguardia, possono offrire ancora molto in via pratica, aspetto che per motivi anche di marketing non viene riconosciuto dalle aziende poco inclini agli updates, dove il team CyanogenMod ha da sempre fornito grande supporto.

Tra le principali novità in arrivo spicca sicuramente la CyanogenMod 12, prossima release della custom ROM basata su Android L la quale, come fatto dalle precedenti e dall’attuale CM 11, garantirà un’ampia copertura a molti modelli esclusi dagli aggiornamenti ufficiali, eppure proprio le peculiarità della nuova versione presentata da Google al Google I/O 2014, potrebbero consentire il “recupero” di circa 105 esemplari smartphone, la cui vita non è destinata a terminare, potendo seguire il progresso di Android.

L’ipotesi è infatti giunta da alcune dichiarazioni emerse durante il Keynote al Google I/O 2014 secondo cui Android L non avrebbe richiesto particolare specifiche hardware, un aspetto che, se unito alle attuali versioni CyanogenMod basate su Android 4.4 KitKat, fornisce speranze per il supporto degli attuali 105 smartphone tutelati dal lavoro del team di modding, ampliando la copertura a molti modelli che vantano anche memorie RAM da appena 1GB, una garanzia offerta rispetto a quelli con 512 MB che restano in bilico, e processori con CPU di tipo dual-core.

  • Mario Rossi

    Ciao, dubito fortemente che TUTTI i dispositivi attualmente supportati ufficialmente dalla Cyano 10 / 11 riceveranno un aggiornamento alla futura versione. Le buone performance su hardware datato non sono motivo di sicura preparazione di nuove ROM. Lo testimonia il disinteresse verso devices ben carrozzati, ma fermi da oltre un anno e mezzo alla JB 4.2.2: niente aggiornamenti ufficiali, scarsi sorgenti, deboli tentativi privati (da parte di pochi cookers) di compilare la Cyano unofficial.

    • Sicuramente, e purtroppo, aggiungo, non è possibile promettere a tutti l’assoluta garanzia di supporto (per motivi più di tempo e risorse che altro), nonostante tutto già il fatto di poter ridurre la perdita al minimo, con la tutela di molti di quelli seguiti rappresenta un passo importante, almeno meglio di quanto fatto dalle aziende.

  • Pingback: Guida | I migliori temi CyanogenMod per Android L()

  • Pingback: Paranoid Android: in arrivo importanti novità ispirate ad Android L()