Dropbox su Android

Come funziona Dropbox su Android

 

Tra i servizi di cloud storage più diffusi vi è di sicuro Dropbox che garantisce il file hosting, il salvataggio dei dati online, disponibili su ogni dispositivo a patto che si effettui l’accesso con lo stesso account, e la sincronizzazione automatica di file attraverso la Rete. Con il post odierno vedremo come funziona Dropbox su Android, partendo dall’assunto che la sua logica di funzionamento è semplice e intuitiva, visto che permette la condivisione di file e cartelle con chiunque.

STEP 1: dopo aver scaricato ed installato Dropbox dalla categoria produttività del Play Store sul tuo smartphone Android. Effettua il download del software di cloud storage anche sul pc, visto che i vantaggi sono enormi. Dopo esserti connesso alla homepage, effettua la registrazione gratuita cliccando sul tasto azzurro “Registrati” ed inserendo “Nome”, “Cognome”, “e-mail” e “password”. Sull’indirizzo di posta elettronica indicato, riceverai prima l’e-mail di conferma di accesso al servizio ed in seguito quella relativa all’esito positivo dell’attivazione del servizio.

STEP 2: al primo accesso, visualizzerai due cartelle. La prima è “Public”, fondamentale per l’upload dei file e per la creazione di link pubblici, soluzione utile per bypassare la logica delle cartelle condivise. La cartella “Camera Upload” permette il caricamento delle foto e dei filmati girati con la fotocamera dello smartphone Android.

Come funziona Dropbox su Android

STEP 3: all’inizio noterai come lo spazio disponibile è ridotto davvero al minimo. Il piano gratuito propone 2 GB di spazio libero, estendibili fino a 18 GB, in varie modalità: si guadagnano 500 MB per ogni nuovo utente invitato o 640 MB collegando l’account personale ai social network, mettendo il “Mi Piace” sulla pagina Facebook, diventando follower su Twitter. Dropbox può essere utilizzato anche da pc per il caricamento dello foto e dei video, collegando via usb lo smartphone. Agendo in questo modo potrai guadagnare fino a 3 GB di spazio libero (500 MB per ogni 500 MB di immagini e filmati caricati)

Sono disponibili anche piani tariffari a pagamento che portano lo spazio di archiviazione a 100 GB, al prezzo di 9,99 euro al mese.

STEP 4: uno dei passaggi fondamentali su come funziona Dropbox su Android riguarda di sicuro la creazione delle cartelle di archiviazione dei file. Puoi agire direttamente dalla schermata principale, tenendo conto che le cartelle sono private e che la condivisione dei file può avvenire tramite indirizzi di posta elettronica degli utenti Dropbox che intendono visualizzare, modificare e aggiungere altri file all’intendono delle suddette cartelle. Altro punto di forza di Dropbox sugli smartphone con il sistema operativo di Google è la possibilità di consultare in qualsiasi momento la cronologia dei caricamenti per tutte le cartelle, incluse quelle condivise. Puoi inoltre ripristinare anche i caricamenti errati di specifiche versioni di file. Il ripristino illimitato necessita della versione a pagamento.

STEP 5: ciò che rende unico l’utilizzo di Dropbox su Android è il passaggio diretto di dati dal computer allo smartphone, anche senza il collegamento tramite il cavo USB in dotazione. Il sistema consente l’apertura di PDF, annotazioni, video e foto in maniera immediata.

Conclusioni: per concludere, Dropbox è un’applicazione di cloud storage, sicura per via del protocollo crittografico SSL, e  di estrema utilità nello smartphone Android. Tieni conto che la memoria dei dispositivi mobili è limitata e sfruttare uno spazio di archiviazione dei file vuol dire molto.