HTC: il futuro saranno i selfie e le fotocamere smartphone pari alle Reflex

Quella che sembrava essere soltanto una moda destinata a passare senza lasciare traccia, ovvero quella dei selfie, pare sia invece divenuto un trend capace d’influenzare strategie di marketing, come il caso Samsung alla Notte degli Oscar, e mercati, in quest ultimo caso con una certa attenzione da parte di HTC che in una recente intervista, condotta da Symon Whitehorn, guru del colosso taiwanese, ha svelato come il futuro sia delineato proprio negli autoscatti con smartphone.

Stando a quanto affermato, circa il 90% delle attuali foto, nei vari mercati principali ed emergenti, sarebbero scattate sotto forma di selfie, aspetto di non poco conto che dovrebbe spingere le avarie aziende a considerare non soltanto lo sviluppo degli obiettivi posteriori quanto anche di quelli anteriori i quali per comodità, e per questa nuova moda dell’autoscatto, sono sempre più sfruttati. Da tale punto Whitehorn ha colto l’occasione per ricordare come HTC, con i recenti HTC One ed HTC One M8, abbia dimostrato di puntare molto sulla qualità delle fotocamera e la tecnologia Ultrapixel, oltre alla novità Duo, ne sarebbero una prova tangibile.

Un progresso condotto non soltanto dal colosso taiwanese ma anche dai rivali e che, con l’introduzione dello zoom ottico nei dispositivi, dovrebbe limare ulteriormente il gap con strumenti appositi come per l’appunto le Reflex, dei must have nel settore di competenza al quale gli smartphone, sin dalla nascita dei primi modelli camera-phone, avrebbero puntato nel loro sviluppo. Dal canto suo, come indicato da Whitehorn, HTC punterà non soltanto allo sviluppo di obiettivi anteriori cercando di conquistare il mercato dei selfie, ma anche ai posteriori provando a potenziare la qualità della propria tecnologia Ultrapixel, ciò mentre la fotocamera Duo pare aver conquistato il settore e potrebbe esser presa a modello da molti competitor.