Android 4.4.3 KitKat: ufficiale la distribuzione da parte di Google

Dopo un vociferarne neppure particolarmente lungo, che ha permesso di poter visionare, tappa dopo tappa, le varie build release che Google stava sviluppando per integrarne le novità, l’ultima versione di Android 4.4.3 KitKat pare sia, in queste ore, ufficialmente disponibile tramite la classica distribuzione OTA, direttamente dal colosso di Mountain View, ed in particolare grazie alla pagina ufficiale dell’operatore statunitense Sprint che ha anticipato la novità a tutti i gli utenti.

L’avvio delle fase di rilascio di Android 4.4.3 KitKat, in particolare con versione build KTU48F, giunge con largo anticipo rispetto alle previsioni effettuate appena pochi giorni fa, confermando le ipotesi secondo cui, visti anche i tempi di lavorazione, possa trattarsi soltanto di un minor update, con tanto di dettagli, per la risoluzione degli ultimi bug emersi sull’OS, similmente a quanto visionato in occasione dell’update di Android 4.4.2 KitKat. La nuova versione dovrebbe essere disponibile, a breve ma con tempi variabili, per tutti i dispositivi della famiglia Nexus: in particolare Nexus 5, Nexus 4 ed i Nexus 7, di prima e seconda generazione, oltre al Nexus 10.

Per verificarne la disponibilità come sempre potete rivolgervi, senza attendere l’arrivo della relativa notifica, al pannello “Impostazioni“, alla voce “Info sul telefono” e successivamente “Aggiornamenti di sistema“, scegliendo, in caso il vostro Nexus vi segnali la possibilità di download, di poter attendere nel caso in cui non abbiate a disposizione una rete WiFi alla quale agganciarvi, aspetto primario che vi consigliamo sempre di tener presente per evitare problemi o sforamenti del vostro piano tariffario dati.

Con l’aggiornamento di Android 4.4.3 KitKat, Google si conferma particolarmente attiva sul fronte OS e servizi correlati, avendo avviato, in questo periodo, anche tutta una serie di modifiche alle Google Apps, Gmail su tutte, aver revisionato Google Now, risultando sempre più integrato, ed avendo in progetto persino la modifica delle icone di sistema.