Motorola pronta a sviluppare uno smartphone da 50 dollari

Il futuro del mercato smartphone sembra non essere più concentrato verso  i dispositivi top di gamma, di cui si continua a parlare con grande interesse per l’evoluzione dei devices che i diversi brand riescono a mostrare sebbene le vere e proprie strategie di crescita si siano da tempo, ed in modo graduale, spostate altrove.

In quest’ambito non vuol farsi trovare indietro Motorola, l’azienda statunitense è decisamente al passo con le nuove tecnologie, come dimostra il brevetto di realizzazione di uno smartphone arrotolabile oltre al Project Ara per i devices modulari, ed allo stesso tempo i vertici societari non hanno dimenticato le masse e l’importanza che il mercato entry-level può avere, con importanti riflessi, su tutti questi progetti. A tal scopo sembra sempre più concreta l’intenzione di sviluppare uno smartphone dal costo complessivo di appena 50 dollari, rivoluzionando i termini d’accesso al mercato di fascia bassa.

L’indiscrezione è stata confermata dallo stesso Dennis Woodside, il CEO Motorola, in un’intervista rilasciata a TrustedReviews nella quale ha sostenuto come non vi sia nulla che renda impossibile il conseguimento di questo traguardo: “Perchè i dispositivi non possono costare 50 dollari? Non c’è una ragione per cui questo non possa accadere e noi stiamo viaggiando in questa direzione“. A questo punto il Moto G potrebbe rappresentare soltanto un primo tentativo di abbassare i costi, valutandone l’impatto col mercato, ma la direzione pare esser stata del tutto delineata.

In questa corsa al ribasso va sottolineato come Motorola non sia l’unica azienda ad aver avuto la medesima idea, bisogna infatti prestare attenzione a Xiaomi che analogamente all’azienda statunitense sta lavorando anch’essa alla realizzazione di un dispositivo dal costo limitato a 50 dollari, oltre al progetto parallelo per i dispositivi modulari, insomma, la sfida sembra essere aperta.