Google Chromecast: al vaglio lo sviluppo di un eco-sistema

L’arrivo di Chromecast in Europa e più specificamente in Italia è oramai soltanto questione di tempo, ovviamene ricordiamo a chi fosse interessato ad acquistare la chiavetta sin da subito la presenza di diverse offerte in rete, ed a dimostrazione di ciò vi sarebbero i piani futuri dell’azienda di Mountain View che vorrebbe sviluppare un eco-sistema attorno a quest’ultima per migliorare l’esperienza utente e porla al centro di un vasto catalogo di offerte valide per l’intrattenimento.

A svelare il business plan di Google è stato Mario Queiroz, product manager dell’azienda californiana, secondo i cui i prossimi passi per lo sviluppo di quest’obiettivo, volto alla creazione di tutta una serie di applicazioni che trasformino Chromecast in uno strumento di fondamentale nelle nostre abitudini, saranno innanzitutto la disponibilità di supporto ad azienda chiave, come HBO Go, Songza e Pandora, oltre ovviamente al rilascio di Chromecast SDK per sviluppatori entro il prossimo anno.

Nell’attesa che ciò avvenga, Google avrebbe però già fornito, a circa 40 fortunati sviluppatori, un’anteprima di Chromecast SDK per iniziare a lavorare sulle criticità del progetto perfezionandone gli aspetti, al fine di potersi assicurare un lancio privo di problematiche ed uno sviluppo dell’eco-sistema delineato, in tempi molto celeri arrivando, in un futuro prossimo, ad integrare Chromecast nei televisori in modo similare a quanto fatto con la tecnologia, ad esempio, del digitale terrestre.