CyanogenMod: annunciati fondi per 32 milioni di dollari, ed un marchio consumer

Il futuro di Android potrebbe ben presto trovare nel nome di CyanogenMod un marchio sul quale fare affidamento per fortificare la propria egemonia, questo almeno secondo le ultime novità giunte dal noto team di modding che punta a diventare il terzo OS più utilizzato su piattaforme mobile, classificandosi come secondo proprio dietro la release ufficiale di Google.

Nella giornata odierna CyanogenMod ha infatti annunciato l’arrivo di fondi per ben 23 milioni di dollari, oltre ai già 7 milioni incassati l’Aprile scorso, forniti da Andreessen Horowitz per poter raggiungere i propri obiettivi, questi ultimi sempre più ambiziosi visto il percorso che negli ultimi mesi il team ha compiuto potendo vantare la conquista di un numero sempre crescente di estimatori, che nelle fasi iniziali, in particolare negli Stati Uniti, hanno finanziato CyanogenMod consentendole di tagliare il traguardo degli 11 milioni di utenti attivi nel mondo.

I dati rappresentano una dimostrazione del lavoro operato da CyanogenMod che, tramite il suo CEO, ovvero Kirt McMaster, ha voluto sottolineare i progressi compiuti con la realizzazione del CyanogenMod Installer, sul quale si continua a puntare per migliorare il futuro della customizzazione dei devices ed è stata espressa fiducia per un futuro reinserimento all’interno del Google Play Store dopo leliminazione a causa dell’invalidamento della garanzia di molti utenti, senza dimenticare la prima partnership con produttori hardware del calibro di Oppo dal quale è nato l’Oppo N1, ed anche, aggiungiamo noi, la compagnia OnePlus di Pete Lau che non mancherà di riservarci sorprese in collaborazione con CyanogenMod.

Nel prossimo futuro, grazie anche ai fondi stanziati, il team si occuperà di perfezionare alcuni software per migliorare l’esperienza utente e rendere le proprie ROM alla portata di chiunque, inserendosi in un mercato di massa che per adesso, a causa della limitazione apportata al CyanogenMod Installer, si circoscrive agli utenti di nicchia, obiettivo al quale sarà affiancato anche il lancio di un marchio consumer, che non è stato ancora svelato nel dettaglio.

La strada per conquistare il terzo posto sul podio dei mobile OS è appena cominciata, ma CyanogenMod dimostra di avere già le idee molto chiare supportata da un mercato che chiede a gran voce un nuovo approccio all’interno dell’eco-sistema Android.