Newkia: il nuovo CEO parla del futuro, di Nokia e di Android

Con l’ufficialità dell’acquisizione della divisione mobile di Nokia ad opera di Microsoft, giunta definitivamente il 19 Novembre con l’Assemblea d’azionisti del colosso finlandese che ha posto l’accordo nero su bianco, la possibilità di un futuro tra il brand, che ha fatto la storia nel settore mobile prima dell’avvento degli smartphone, ed Android è del tutto tramontata, sebbene qualche chance vi sia stata ma difficilmente verranno presto a galla i dettagli della vicenda.

Nel frattempo Newkia, società nata dalle ceneri di Nokia, prosegue il suo sviluppo per dar vita al suo concetto di smartphone interamente basato su Android e nelle ultime ore ha nominato ufficialmente il suo primo CEO, si tratta, a gran sorpresa, di Urpo Karjalainen, ex dipendente proprio del colosso finlandese con un trascorso anche in BlackBerry che, nel suo curriculum, vanta un’esperienza unica sul mercato asiatico, aspetto probabilmente chiave per la sua elezione, oltre che nomina di socio fondatore di Newkia, interessata nel lanciarsi subito sul mercato asiatico, uno degli emergenti sui quali puntare per la crescita.

Il neo CEO Newkia ha voluto chiarire diversi aspetti, delineando il business plan dell’azienda, che attualmente poggia, in via momentanea, i propri uffici a Singapore, spiegando l’idea alla base dei devices Android che si vogliono realizzare ed il forte consenso ricevuto anche da molti dipendenti Nokia, che hanno inviato diverse mail informative per poter passare a Newkia:  “Abbiamo istituito Newkia nello stesso giorno in cui Nokia ha venduto la divisione mobile a Microsoft. E’ stato il giorno in cui Nokia è morta in Finlandia e la nuova Nokia è nata in Nokia. So che i dipendenti Nokia sono desiderosi di sviluppare per Android e forse vorrebbero unirsi a noi. Credo fortemente che Nokia ha ancora il miglior know-how per quanto riguarda la telefonia mobile e vogliamo che i migliori si uniscano a noi. Quello che Nwekia vuole fare è utilizzare il know-how Nokia, la tecnologia e la progettazione per costruire i migliori smartphone del mondo, ma con Android”.