Motorola: accordo con 3D Systems per il Project Ara

Dopo averne annunciato l’avvio e l’approvazione, ovvero svelando ufficialmente intenti ed obiettivi in partnership con Phoneblocks, azienda proprietaria del concept, il Project Ara di Motorola vede finalmente siglato un nuovo accordo che rappresenta la svolta per l’avvio effettivo della produzione e quindi la delineazione del suo futuro.

L’azienda statunitense ha infatti da poche ore annunciato il raggiungimento di un’accordo, della durata indeterminata, con 3D Systems, azienda che si occuperà di dare risposte ai quesiti principali che ruotano attorno al Project Ara ed in particolare rivolti allo sviluppo delle componenti tramite un meccanismo industriale automatizza, semplice e con costi ridotti, capace di poter costituire i vari moduli con forme e materiali diversi rendendo il progetto realmente fattibile.

L’aspetto era stato peraltro annunciato e discusso anche da Regina Dugan, attuale Senior Vice President e a capo di Motorola Advanced Technology & Projects: “Con Project Ara ci siamo posti la domanda: come possiamo portare benefici di personalizzazione ed un ecosistema hardware aperto a 6 miliardi di persone? Richiede avanzamenti tecnici in aree come resistenza dei materiali e stampa con inchiostri conduttivi per le antenne. E questi avanzamenti dovranno supportare volumi e velocità a livello di produzione, da cui una naturale partnership con 3D Systems.”

3D Systems si occuperà quindi, oltre che di produrre fisicamente i moduli alla base del Project Ara, un’impianto industriale auto-sostenibile, aspetto fondamentale perché inciderà sulla qualità dei Module Development Kits, ovvero i Kit di assemblaggio e sviluppo delle componenti da inviare agli Ara Scout, altro punto fondamentale per l’avanzamento del progetto. Qualora l’azienda dovesse fallire in quest’obiettivo, Motorola potrà rescindere unilateralmente in contratto stipulato cercando un nuovo partner che possa soddisfare le sue aspettative.