FIDO Alliance

FIDO Alliance porterà i sensori biometrici sui device Android

Una delle novità più interessanti introdotte da Apple sul nuovo iPhone 5S, in prospettiva futura, è sicuramente il Touch ID, il sensore di impronte che permette ad oggi delle funzioni abbastanza limitate che ha nella sua tecnologia un potenziale di crescita davvero notevole. Il mondo Android al momento si interroga quando tale features potrà arrivare anche sui propri device, e la risposta non è tardata ad arrivare grazie al consorzio FIDO (Fast Identity Online). il quale indica un termine di 6 mesi per l’introduzione dei sensori biometrici sui dispositivi con sistema operativo Android.

FIDO è un’alleanza di 48 aziende tecnologiche in cui troviamo diverse grosse aziende quali Lenovo, LG e PayPal, e per mezzo del suo presidente Michael Barrett ha affermato che i primi dispositivi Android con tale tecnologia di sensori biometrici arriveranno nei primi mesi del 2014 e sarà una tecnologia aperta utilizzabile da chiunque. Barrett non esclude infatti la possibilità che anche Apple nei prossimi anni possa aderire al progetto, anche se ora detiene un sistema proprietario Touch ID lanciato sul nuovo iPhone 5S.

Lo scopo di questo progetto FIDO è quello di integrare sui dispositivi mobili dei sensori biometrici in grado di effettuare diverse funzionalità legate allo “sfioramento” ma che al contempo garantiscano un livello di sicurezza accettabile per l’utente finale. FIDO sta ora lavorando sulla concessione delle varie licenze necessarie e sul processo del sistema che verrà gestito attraverso software di terze parti, attualmente il consorzio sta lavorando con Nok Nok Labs proprio per quest’ultimo aspetto del nuovo sensore biometrico.