Eric Schmidt: “Android è più sicuro che iPhone”

L’affermazione che vediamo nel titolo a molti potrebbe sembrare azzardata, in un campo in rapida e continua evoluzione come quello mobile, la sicurezza gioca sicuramente un aspetto molto importante. Google nell’opinione della gente risulta avere, con il proprio sistema operativo Android, maggiore sfiducia negli utenti quando si parla di tale argomento, ma secondo l’opinione di uno dei massimi vertici dell’azienda non è così. Eric Schmidt afferma infatti che Android è oggi più sicuro che iPhone, cerchiamo di capire il perchè.

L’affermazione di Schmidt è arrivata subito dopo che si era diffusa la notizia che meno dello 0,001% dei malware evade la sicurezza multi-layer di Google per causare un danno serio e reale agli utenti che utilizzano dispositivi mobili con sistema operativo Android. Eric Schmidt, in risposta alla domanda dell’analista di Gartner David Willis, il quale chiedeva un commento sul fatto che Android, per la gente, risulti poco sicuro, ha affermato che: “Non è sicuro? E ‘più sicuro di iPhone.

Schmidt però non ha spiegato nulla di più a riguardo, ha citato solo il miliardo di attivazioni raggiunte da Android e lo sforzo dell’azienda nella verifica sulla sicurezza dei contenuti che approdano su tale piattaforma. Ma l’argomento è più complicato, in  primo luogo  vi è un fraintendimento generale che porta la gente a pensare che Android sia meno sicuro in quanto software open source, ma in realtà è più sicuro. Ma visto l’enorme numero di dispositivi Android che si basano su sideloading e che non includono Google Play Services, un problema con i malware esiste.

Se parliamo quindi di dispositivi Android con Google Play Services, Android è sicuro quanto iOS, anche se Google dovrebbe trovare un modo migliore per trasmettere questa idea, visto che molte persone, non utilizzatori di Android, pensano che sia meno sicuro dell’iPhone. Schimdt non ha però citato il pericolo frammentazione, ovvero la mancanza di aggiornamenti da parte dei produttori, che rende il sistema operativo vecchio e più facilmente attaccabile, un problema su cui c’è ancora molto da lavorare.