Gestione Dispositivi per Android, tutte le novità

Ecco tutte le novità dello strumento online Gestione Dispositivi Android (o Android Device Manager in inglese), che Google ha messo a disposizione degli utenti Android circa un mesetto fa. A cosa serve la Gestione Dispositivi? Principalmente, per conoscere la posizione del proprio dispositivo o cancellare tutti i dati.

Questo nell’eventualità che si smarrisca o che venga rubato il tablet o lo smartphone, per impedire che persone sconosciute si impossessino dei nostri dati. Insomma, una specie di cancellazione a distanza, e di geolocalizzatore nel caso si voglia a tutti i costi ritrovare il dispositivo.

Pare che ci saranno nuove funzionalità, che renderanno lo strumento ancora più utile per gli utenti Android.

Verrà infatti aggiunta la possibilità di bloccare il device da remoto, ovvero a distanza, effettuando il login con le credenziali dell’account Google. Si potrà anche cambiare la password di accesso al dispositivo, sempre da remoto. L’aggiornamento è previsto con l’update di Google Play Services alla versione 3.2.64, scaricato in modo automatico.

Si può anche far squillare il dispositivo a distanza, per ritrovarlo nel caso lo si fosse perso in casa. Se infatti il geolocalizzatore segnala che il dispositivo è vicino a voi, ma non riuscite proprio a trovarlo, farlo squillare è l’extrema ratio per ritrovarlo, magari sotto il cuscino del vostro divano.

Insomma, possiamo dormire sonni tranquilli. Anche se il nostro dispositivo verrà smarrito o rubato, almeno i nostri dati – preziosi soprattutto nel caso si utilizzi il tablet o lo smartphone anche per transazioni bancarie – saranno al sicuro.