Ubuntu per Smartphone sarà lanciato senza un App Store ufficiale e…

Ritorniamo a parlare di Ubuntu su smartphone ed iniziano a trapelare alcune interessanti novità, non del tutto piacevoli.

La battaglia per il terzo posto dietro iOS e Android è sempre piu ferrata e Canonical cerca di incunearsi in spazi angusti e di ritagliarsi un piccolo spazio. Ma non è facile inserirsi su un mercato dominato dai due colossi (iOS ed Android appunto) e di certo il lancio di Ubuntu su Smartphone presenterà qualche problema piuttosto rilevante all’inizio.

Mancherà infatti un app store ufficiale. La prima versione del nuovo sistema operativo avrà un paccetto di applicazioni base (Core Apps, vedi qui) ma non ci sarà al momento del lancio un vero e proprio store dove scaricare le applicazioni disponibili.

E…?

E non è tutto. Perché le applicazioni attualmente in uso su Android (ovviamente) non saranno installabili su Ubuntu per Smartphone, come ha dichiarato la stessa Canonical. Canonical ha già dichiarato di voler fornire tutto il supporto possibile agli sviluppatori, ma non c’è nessuna bacchetta magica quindi gli sviluppatori si dovranno dar da fare per portare le loro applicazioni su Ubuntu.

We intend to encourage them to make their Android applications run on Ubuntu, but we won’t engineer any middleware for running Android apps. Developers are intelligent and capable enough to make their apps run on our devices. We have an active initiative right now to directly help them achieve this.

 

Indubbiamente il sistema è ancora acerbo e forse Canonical sta accelerando un po’ troppo i tempi. Per la concezione di smartphone che abbiamo, uno store è assolutamente indispensabile e non bastano soltanto determinate app (quelle del Core Apps Project) oppure un semplice smartphone per avere una “degna” esperienza smartphone.

Ancora entusiasti di provare Ubuntu su smartphone?

Via