Q3 2012 di Google davvero pessimo: il titolo cala dell’11%!

Dopo la fuga di notizie che ha anticipato la pubblicazione dei conti del Q3 2012 di Google, è lo stesso Larry Page a chiedere scusa ai propri investitori, i quali non hanno gradito i dati leaked e sopratutto i numeri in netto calo riportati nel documento.

Gli utili segnati a bilancio sono stati negativi rispetto i trimestri passati: anche il settore della pubblicità segna numeri in discesa, complice sopratutto il fatto che la navigazione web mobile è in netta crescita e al momento è iOS a primeggiare in questo ambito, lasciando Android dietro rispetto i terminali di Cupertino, e confermando che il traffico mobile non può generare ricavi quanto quello desktop. Altra nota negativa è sicuramente l’acquisizione di Motorola, che come abbiamo potuto leggere su news passate, ha portato con se grosse spese di gestione e riorganizzazione del personale che hano fatto capire a BigG che l’investimento in questione non è stato dei migliori.

Il tutto si è tradotto con un drastico calo di capitalizzazione: persi 24 miliardi di dollari che fanno calare il valore totale del colosso del web a “soli” 227,29 miliardi di dollari. Infine è  ancora Page a rassicurare i propri azionisti:

Abbiamo avuto un trimestre forte. I ricavi sono aumentati del 45% anno su anno, e dopo quattordici anni, abbiamo raggiunto un traguardo di 14 miliardi dollari da questo trimestre. I progressi che stiamo facendo stanno dando vita ad un’esperienza fantastica per Google con tutti i dispositivi.

Google è in grossi guai? Non lo pensiamo minimamente, tuttavia questo Q3 2012 è sicuramente da dimenticare…

Via