HTC: inizia il roll out per l’aggiornamento ad Android 4.0

Arrivano nuove sul fronte HTC. Con un pò di anticipo rispetto ai tempi previsti, nella giornata di ieri è arrivato il primo aggiornamento ad Android Ice Cream Sandwich per HTC Sensation e Sensation XE in Germania ed altri paesi dell’Unione Europea.

A conferma di quanto da noi anticipato il mese scorso, grazie all’ufficializzazione trapelata attraverso canali come Facebook e Twitter, i primi device HTC a ricevere Ice Cream Sandwich sono dunque quelli legati alla serie Sensation. Con la promessa di poter ammirare l’ultimo OS di Google anche su Sensation XE 4G e Sensation XL entro la fine di marzo.

Esso sarà accompagnato dall’interfaccia personalizzata HTC Sense 3.6, un dettaglio che forse farà storcere il naso a chi attendeva il port per poter ammirare la più performante 4.0 ma che di certo non potrà lasciare l’amaro viste le novità che andrà ad introdurre. Il peso totale dell’installazione è di circa 283 mb, si consiglia dunque di effettuare il download sotto copertura Wi-Fi e di eseguire una copia di backup prima di procedere, anche se chi ha avuto già modo di provarla non lamenta la perdita di dati.

Vi consigliamo dunque di tenere gli occhi bene aperti in quanto a giorni si prospetta la diffusione anche in Italia. Nel caso vogliate controllare la sua disponibilità potrete in qualsiasi momento spostarvi nel menù impostazioni, Info Telefono, Software Updates e cliccare sul tasto Cerca ora.

Come già detto, purtroppo, i possessori di terminali come l’HTC Rezound, Vivid, Amaze 4G, EVO 3D, EVO Design 4G, Incredibile S, Desire S e Desire HD dovranno aspettare i mesi a venire. Nel frattempo però, nel caso non vogliate aspettare o semplicemente preferiate le versioni nate dagli sviluppatori di xda-developers vi segnaliamo queste due guide da noi redatte:

Come installare Android 4.0 leaked HW acceleration su HTC Desire

Come Installare CyanogenMod 9 ICS Alpha su HTC Desire S

Particolarmente interessante la prima, in quanto può godere anche dell’accelerazione hardware. A chi abbia avuto modo di provare l’ufficiale invitiamo invece a segnalarci la disponibilità e le prime impressioni.