[Guida] Installare ambiente di sviluppo per Android

Uno dei punti forza che hanno reso android il sistema operativo per dispositivi mobile piu diffuso, è la possibilità che ogni utente – con un minimo di fondamenti di programmazione alle spalle – può realizzare la propria applicazione. Se sei un appassionato del settore e vuoi entrare a far parte del mondo dei dev di android, con questa guida potrai fare la prima installazione dell’ambiente di sviluppo per iniziare a programmare per android..
Questa guida è riferita all’ambiente Windows 7.

Download ed installazione di Java JDK

Per prima cosa scarichiamo il java JDK (Java Development Kit) dal sito di oracle:
http://www.oracle.com/technetwork/java/javase/downloads/index.html

Accettare le condizioni di licenza e scaricare il file jdk-­7u1­-windows­-i586.exe.


Dopo il download fate doppio click sul file e installate il pacchetto. Accettate le proposte dell’installer senza modificarle. Tutto il pacchetto viene Installato in C:\Program Files\Java. Se vi viene chiesto di registrarvi vedete voi se farlo non è obbligatorio. A questo punto per poter usare il jdk senza problemi bisogna modificare la variabile d’ambiente PATH.

Cliccate su Start -> Pannello di controllo -> Sistema e sicurezza -> Sistema .> Impostazioni di sistema avanzate. Poi cliccate su Variabili d’ambiente.

Vi apparirà questa finestra, selezionate la variabile Path e cliccate su modifica.


Appare questa finestra, a questo punto dovete aggiungere all’inizio della variabile la seguente stringa C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_01\bin; All’inizio perché ci potrebbero essere delle versioni vecchie installate che non farebbero funzionare l’Android SDK. Fare una ricerca per “java.exe”, e sarete stupiti dei risultati. Cliccate su tutti i pulsanti OK e chiudete il pannello di controllo.

Ora cliccate su Start e scrivete cmd + invio, vi apparirà una finestra del DOS. Dal prompt scrivete: javac + invio. Se nella finestra appare questo menù l’ JDK è installato correttamente e pronto da usare.


Se vi appare “javac” non è riconosciuto come comando interno o esterno, un programma eseguibile o un file batch avete errato qualche passaggio.

 

Download ed installazione di Eclipse

Come prima cosa andiamo a scaricare l’IDE di sviluppo Eclipse reperibile alle seguente pagina: http://www.eclipse.org/downloads/

Cliccate il file per Windows 32 Bit. E nella finestra del download scaricate il file eclipse­-java­-indigo­-SR1­-win32.zip dal server che volete. Una volta terminato il download del file .zip, estraete la cartella eclipse e copiatela nella radice principale del disco C: (non è obbligatorio, è solo per essere comodo ad accedervi) e se volete create un collegamento al desktop.

A questo punto lanciate Eclipse.exe dal menu programmi o dalla cartella stessa. Vi apparirà una finestra che vi chiede dove aprire la cartella workspace. In questa cartella verranno salvati i vostri lavori. Io la metto sempre nella radice principale di C: ma potete metterla dove volete. Vi consiglio di lasciare il nome workspace perché è usato in molti libri o tutorials.

Spuntate questa checkbox per evitare che vi chieda tutte le volte dove salvare il vostro lavoro. Cliccate OK e aspettate che termini di caricarsi. Chiudete Eclipse, per il momento non ci serve.

 

Download ed installazione dell’ Android SDK

Premetto che questa fase richiede molto tempo a causa dei lunghi download.

Per scaricare l’Android SDK recatevi a http://developer.android.com/sdk/index.html e scaricate il file installer_r15­-windows.exe.


Dopo il download fate doppio click sul file e installate il pacchetto. Accettate le proposte dell’installer. Al termine partirà l’SDK, chiudetelo. Anche questo io lo posiziono nella radice di C/:

Ora prima di aggiornare l’SDK dovete controllare se avete i diritti da amministratore sulla cartella di Android, in caso contrario dovete modificarli, altrimenti durante l’installazione delle librerie appariranno messaggi d’errore in scrittura e non si installerà nulla. Aprite esplora risorse e col tasto destro cliccate sulla cartella Android -> Proprietà Sicurezza. Poi cliccate su Modifica.

Nella finestra che appare cliccate prima su Administrator e nelle Autorizzazioni dovrebbero essere spuntati tutti i consensi tranne l’ultimo. Se così non fosse mettete la spunta su controllo completo. Poi cliccate su User (nome­PC\User) e fate lo stesso. In questo modo l’SDK potrà accedere per aggiornare le librerie.


Cliccate su Applica e poi tutti OK.
Aggiornamento di Android SDK

Dalla cartella C:\Android\android­sdk o dal menu Android SDK Tools avviate di nuovo SDK Manager.exe. Ora dovete mettere la spunta sulle opzioni che vi interessano, io ho tralasciato le versioni 3 che sono quelle inerenti a Honeycomb. Per garantire una minima compatibilità consiglio di spuntare anche le API 8 e 10.


Attenzione se mettete la spunta su quello che è già installato verra cancellato.
Cliccate su Install xx packages..

Appare questa finestra.


Spuntate Accept All e cliccate Install, ora potete andare a dormire, e alla mattina dovrebbe essere aggiornato l’ambiente.
Installazione del plugin ADT (Android Development Tools) per Eclipse

Ora che avete scaricato tutti gli aggiornamenti dell’SDK. Chiudetelo. Aprite Eclipse, cliccate su Help -> Install New Software. Dalla finestra che appare cliccare su Add.


Nella nuova finestra nel campo Name scrivete Android e nel campo Location inserite questo url: https://dl­ssl.google.com/android/eclipse/ e cliccate OK.

Da questa finestra, selezionate tutte le checkbox e cliccate Next>. Finito il download cliccate Next> , accettate i termini di licenza cliccate Finish. Attendete che termini di installare il plugin e quindi cliccate Restart Now. Per verificare che tutto il processo sia andato a buon fine cliccate nel menu di Eclipse su File -> New Project e tra i vari tipi di progetti dovrebbe comparirvi “Android Project”.


Ora andate su Window -> Preferences e nella nuova finestra cliccate Android . Nella casella di testo SDK Location scrivete: C:\Android\android-sdk o il vostro percorso. Cliccate Apply e poi OK.


NB. Ora nlle icone dei menù vi trovate due androidini uno apre l’SDK l’altro apre l’AVD.

Creazione di un nuovo AVD (Android Virtual Device)

Ora andate su Window AVD Manager e si aprirà una finestra che contiene la lista dei Virtual Device, che naturalmente sarà vuota. Cliccate su New.


Ora dovete compilare la scheda dell’AVD:

Name: date un nome al vostro AVD (senza spazi)
Targhet: La versione del vostro Android
SD Card: simula la sd
Skin: è la risoluzione dell’ ADV

Cliccate su Create AVD e attendete che termini di crearlo.


Alla fine nella lista vi comparirà il vostro device.
Che dire…. Spero di non aver dimenticato nulla. Ora tocca a voi studiarvi Java e iniziare a programmare. E…. buon divertimento.

Un ringraziamento particolare a Angelo Allievi che ha redatto la guida.

  • Maufel

    Volevo complimentarmi per l’ottima guida 😉

    • Gianluca Tursi

       grazie mille, ti è stata utile sei riuscito in tutto? 🙂 vuoi esercitarti creando la nostra app? 😀

  • Nicola

    ottima guida segnalo solo che con java jdk 1.7.0_10 bisogna riavviare il pc per far funzionare il javac.ottima guida

  • franda diana

    grazie, è molto utile, posso facilmente praticare questo tutorial, molto accuratamente

    android root tutorial